Al via Coopstartup FVG, progetto di Legacoop FVG e Coopfond per favorire la nascita di nuove imprese cooperative e l’occupazione

Fino al 24 novembre è possibile iscriversi al bando per partecipare a Coopstartup FVG, progetto promosso da Legacoop FVG e Coopfond (fondo mutualistico di Legacoop per la promozione e lo sviluppo del movimento cooperativo) con l’obiettivo di accompagnare lo sviluppo di idee imprenditoriali innovative avanzate da residenti in regione con il fine di costituire nuove imprese in forma cooperativa, con il vincolo di una compagine sociale costituita almeno per la metà da under 40.

Si tratta di un’iniziativa, presentata nei giorni scorsi in occasione di una conferenza stampa con la partecipazione del presidente di Legacoop Fvg Enzo Gasparutti, dell’assessore regionale alla Formazione Loredana Panariti, del direttore generale di Coopfond nazionale Aldo Soldi e del direttore di Legacoop Fvg Alessio Di Dio, che sperimenta nuovi processi di promozione per favorire l’introduzione dell’innovazione tecnologica, organizzativa e sociale all’interno del sistema cooperativo. Il programma punta a sviluppare l’occupazione ed offre formazione, tutoraggio, accompagnamento e accelerazione di nuove imprese cooperative.

L’obiettivo dell’iniziativa, che vede la fattiva collaborazione della Regione FVG e il patrocinio dell’Università degli Studi di Udine e Trieste oltre ad una rete territoriale di partner che sostengono il progetto, è dunque quello di supportare lo sviluppo di idee innovative con particolare riferimento agli ambiti considerati prioritari dall’Unione Europea (salute, cambiamenti demografici e benessere, sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile, energia sicura, pulita ed efficiente, salvaguardia e fruibilità del patrimonio storico, artistico, culturale, naturalistico e paesaggistico e promozione e valorizzazione turistica del territorio), per incoraggiare percorsi di crescita intelligente, sostenibile e inclusiva da realizzare in forma cooperativa, capaci di apportare benefici alla comunità locale e al territorio in termini di aumento dell’occupazione e di crescita economica, sociale e culturale.

“La forma di impresa cooperativa – ha detto Gasparutti – oltre ad aver dimostrato in questi anni di saper reggere la crisi meglio di altre forme societarie si sta rivelando come modello ideale per sviluppare e occupare, con proposte innovative, nuovi spazi nel mercato. Attraverso questa iniziativa, grazie a Coopfond, alla Regione Fvg e ai partner del progetto, metteremo a disposizione non solo un finanziamento a sostegno dell’avvio delle nuove cooperative ma una rete di competenze per supportarle all’inizio del loro cammino, accompagnando i nuovi cooperatori fino a che non avranno posto solide fondamenta alla propria impresa”.

Alla prima fase del progetto, ovvero la “call for ideas”, seguirà un percorso di formazione a distanza per tutti gli iscritti al bando, realizzato dalla Fondazione Scuola Nazionale Servizi, Cooperativa Informa e Innovacoop, attraverso la piattaforma di e-learning “10 steps and go”, volto a fornire le conoscenze di base per la creazione di startup cooperative. Verranno selezionate le 10 migliori idee imprenditoriali e i loro rappresentanti potranno partecipare ad un corso di formazione in aula gratuito per l’affinamento dei progetti di impresa che vedrà il sostegno, l’affiancamento e la supervisione di tutor a cui dovrà seguire la presentazione del business plan. Gli aspiranti imprenditori cooperativi potranno usufruire anche dell’assistenza delle strutture e delle organizzazioni del sistema Legacoop FVG e dei partner. Di questi 10 progetti ne verranno selezionati 3.

Le tre idee imprenditoriali vincitrici riceveranno un contributo a fondo perduto di 15.000 euro per i costi di costituzione e avviamento delle attività.

Tutti i 10 progetti ammessi alla seconda selezione potranno inoltre ottenere, oltre all’accompagnamento di Legacoop FVG per la costituzione della cooperativa, un intervento nel capitale di rischio da parte di Coopfond (massimo 200% rispetto al capitale dei soci), l’accesso ai benefici della convenzione “Coopfond – Banca Etica” che prevede tra l’altro l’erogazione di microcredito, la possibilità di attivare gli altri prodotti finanziari di Coopfond a sostegno della promozione e sviluppo della cooperazione, la possibilità di accedere ad una linea di credito agevolata al tasso fisso dell’1% per 5 anni erogato da Banca di Udine, la possibilità di usufruire di specifici contributi, servizi, assistenza e spazi (a canone ridotto) messi a disposizione dai sostenitori, dai partner del progetto e dagli enti pubblici a fronte di specifici provvedimenti.

Legacoop FVG garantirà in collaborazione con i sostenitori (Assicoop Friuli, Banca di Udine, Camera di Commercio di Udine, Coop Alleanza 3.0) e i partner (BIC Incubatori FVGConsorzio Innova FVG, Friuli Innovazione, Polo Tecnologico di Pordenone, Aries – Azienda speciale della CCIAA Venezia Giulia, ConCentro – Azienda speciale unica della CCIAA di Pordenone, Banca Etica, Fin.re.co., Art.co Servizi, Aster Coop, Cam85, Celsa, Codess FVG, Consorzio Agrario FVG, cooperativa sociale Arcobaleno, Cramars, Idealservice, Ires FVG, Isfid Prisma, Itaca, La Cjalderie, La Legotecnica cooperativa sociale, Well Fare Pordenone – Fondazione per il microcredito e l’innovazione sociale) un accompagnamento post start-up nei 36 mesi successivi alla costituzione delle nuove cooperative. Le attività di tutoraggio e consulenza riguarderanno ambiti amministrativi e gestionali ma anche servizi da definire e co-progettare caso per caso a seconda delle esigenze specifiche delle neo-cooperative.

“Come Regione Friuli Venezia Giulia – ha spiegato Panariti – assicuriamo la nostra fattiva collaborazione al progetto Coopstartup FVG in diversi modi: attraverso il contributo dell’Agenzia Regionale per il Lavoro, con i suoi laboratori sull’autoimprenditorialità, e promuovendo il progetto sia sul portale regionale per i giovani www.giovanifvg.it e canali social collegati,  sia attraverso il coinvolgimento della rete degli Informagiovani del territorio, della quale la Regione svolge funzione di coordinamento”.

Soldi ha invece evidenziato come l’iniziativa si proponga di sostenere la nascita di cooperative e la creazione di posti di lavoro destinati a durare nel tempo e che il progetto, se pur di carattere nazionale, è strettamente legato alle aree nel quale viene realizzato e ai partner territoriali. L’attivazione di una rete sul territorio, ha detto, è fondamentale e prioritaria al fine di dare avvio a Coopstartup.

Coopstartup (www.coopstartup.it) è un progetto sperimentale nazionale ideato da Coopfond che ha già generato casi di successo nelle regioni che vi hanno aderito fra cui il Lazio, la Calabria, la Puglia, le Marche, l’Emilia-Romagna e la Liguria. Per iscriversi è sufficiente accedere alla piattaforma www.coopstartup.it/fvg messa a disposizione da Coopfond.

Ulteriori informazioni sono reperibili su fvg@coopstartup.it e su facebook e twitter @coopstartupfvg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.