Legacoop Fvg: Urgente la riapertura ad aziende e cittadini degli uffici di Enti Pubblici e Comuni

Come è noto l’emergenza generata dall’epidemia da Covid-19 ha imposto il lavoro agile (smart working) come modalità di esecuzione della prestazione di lavoro in tutta la PA. In modo particolare nei Comuni che hanno dovuto rimodulare radicalmente le proprie modalità di azione sia sul fronte esterno, per garantire non solo la continuità dei servizi esistenti, ma anche l’approntamento di nuove e urgenti iniziative per rispondere ad esigenze mutate in modo imprevedibile, sia sul fronte interno, dovendo essi stessi contribuire a garantire il prioritario distanziamento sociale mediante la massima riduzione del personale in servizio.
Questo è stato certamente un bene nella Fase1, quella dove era fondamentale contenere il contagio. Ma oggi, con il riavvio delle attività produttive e l’ulteriore liberalizzazione prevista per la prossima settimana, sarà necessario rivedere le modalità di lavoro della PA in quanto da più parti vengono segnalate difficoltà nel rapportasi con gli Enti da parte delle imprese e presumiamo da parte dei semplici cittadini, visto che il “lavoro agile” non sempre rende agili anche le pratiche.
Per questo Legacoop Fvg chiede che gli enti pubblici, pur nel rispetto delle regole di distanziamento e delle precauzioni necessarie, tornino alla loro attività ordinaria consentendo, soprattutto in questa delicata fase della ripresa, il fluidificarsi delle procedure necessarie alle aziende.  Si chiede in particolare alla Regione di emanare le necessarie disposizioni a Comuni ed Enti per riattivare tutti i servizi. Sarebbe bizzarro che la Regione Fvg che ha spinto in maniera forte per la riapertura di tutte le attività facendosene pubblico vanto, faccia rimanere indietro proprio la P.A.