70ma candelina per la Cooperativa pluriservizi Valcanale, venerdì 4 settembre i festeggiamenti

Venerdì prossimo 4 settembre su svolgerà a Tarvisio la cerimonia dei 70° di fondazione della società
cooperativa Pluriservizi Valcanale. In realtà era il 2 giugno scorso che cadeva con precisione il 70° anniversario dalla fondazione della cooperativa “Fachinaggio Valcanale”, nata nel 1950 presso la stazione ferroviaria di Tarvisio Boscoverde. Si è dovuto attendere però qualche mese, causa lockdown per festeggiare questo importante traguardo. In piena emergenza Covid-19 ci si era dovuti limitare (come si leggeva nella loro pagina Facebook) a “dire grazie a tutti coloro che sono riusciti a portare avanti con sacrifici questa società”. Una azienda che, fra l’altro, ha reagito in maniera egregia alla nuova sfida che la pandemia ha posto.
Oggi la Cooperativa Pluriservizi Valcanale è presieduta dal nuovo presidente Giuseppe Di Vora, nominato nell’ottobre 2019 come successore di Eugenio Beltrame, oggi meritato pensionato ma unico socio avente prestato servizio per 43 anni e 6 mesi presso la stessa cooperativa.
Attualmente la cooperativa lavora su più fronti, dalle pulizie ordinarie alle sanificazioni, elemento fondamentale in questo periodo di emergenza sanitaria, che ha permesso ai soci e lavoratori di non fermarsi mai: nelle ultime settimane, infatti, molti operatori economici locali hanno potuto riaprire dopo il lockdown grazie ad ambienti di lavoro puliti, disinfettati, sanificati dall’azione della Cooperativa Pluriservizi Valcanale. Altri servizi offerti sono la manutenzione del verde, piccoli traslochi, manutenzioni ordinarie, sgombero neve, custodia e vigilanza parchi e parcheggi, trasporto pasti per mense e anziani. “La nostra – ci dice il presidente Giuseppe Di Vora – è una realtà solida dal punto di vista finanziario, che ci permette di dare lavoro oggi a 28 persone per quanto alcuni di questi impiegati con contratti a termine. Negli ultimi anni abbiamo gestito anche progetti di pubblica utilità con varie amministrazioni pubbliche, dando possibilità a persone disagiate economicamente di essere inserite nel mondo del lavoro”. La cooperativa vede 7 soci lavoratori impegnati nella gestione e direzione delle varie tipologie di lavoro. “Sono grato – conclude Di Vora – per ciò che abbiamo ricevuto dalla storia della cooperativa e rinnovo con orgoglio la voglia di far crescere la nostra realtà dando possibilità ai giovani di avere un futuro”.